12 ottobre 2018

My interior crush #ottobre


L'autunno per me è sempre stata una stagione di rivoluzione, legata alla voglia di cambiamento. Sarà che il mese di settembre segna nuovi inizi, nuova programmazione, nuovi ritmi dopo la stagione estiva, sarà che si passa più tempo in casa, ma il risultato è sempre lo stesso: mi aggiro per le poche stanze della Minicasa, mi lascio ispirare dalle idee e dalle suggestioni che colgo sul web, nei cataloghi e nelle riviste, tra le tendenze e visualizzo. È una fase pericolosissima :-) fortunatamente oggi frenata dal fatto che il mio budget non è grande tanto quanto la mia immaginazione.

Sono costantemente sottoposta a "interior crush" quindi ho pensato di condividerli un po' più frequentemente, visto che il tempo per animare il blog purtroppo è sempre più limitato e sovrastato dalla mia vita e i miei impegni offline.

Bene veniamo ai miei colpi di fulmine di questo mese. Ma sono sicura che i prossimi saranno altrettanto ricchi, conoscendomi!

Maxi specchio circolare
Le forme tonde sono in assoluto sotto la mia lente da un po'. Un design più morbido, con un forte richiamo ad atmosfere rètro, e secondo me più adatto al micro spazio della mia casa. Sto pensando da un po' a sostituire il grande specchio con cornice in legno scuro, che è sopra il divano, con uno a cerchio, minimale, semplice ma di grande dimensione. 

1 - 2 - 3 - 4
Tavolo in legno rotondo
L'altra sostituzione che ho in mente (..avrei in mente) è quella del tavolo. Quello attuale è stato assemblato da mio papà con alcune tavole da ponteggio che appartenevano a mio nonno, che io ho verniciato in bianco. Ovviamente lo amo e ha anche un valore affettivo, ma per la disposizione degli arredi, le strutture presenti nel piccolo open space del living e anche per una maggior fluidità e dinamicità della composizione, sono sempre più convinta che un tavolo a forma circolare sia molto più adatto. Nella mia testa so già, però, che cambiare il tavolo si porta con sé la necessità di ... cambiare pavimento. Qualsiasi upgrade non sarebbe in equilibrio con quelle orrende piastrelle in gres porcellanato che ho ereditato e che affogherei sotto uno strato di resina color cemento. Ora che l'ho detto sto meglio. Anche se purtroppo non si tratta di una formula magica che trasforma il pavimento nel pavimento dei sogni!

1 - 2 - 3 - 4
via My Scandinavian Home
Sedia iconica
Ultimo coup de coer del momento, la Standard Chair disegnata da Jean Prouvé nel 1934 e prodotta da Vitra. Grafica, solida, semplice e semplicemente meravigliosa. Riprende il design delle school chair, con schienale e seduta in legno e struttura in metallo, con la variante delle gambe posteriori più stabili e resistenti, dettaglio grafico che la rende iconica. La adoro. 


1 - 2
Ora che ho raccolto le idee in un'unico post, visualizzo ancora meglio. E sono guai!


4 ottobre 2018

Autumn shades from Muuto



Ieri è arrivato l'autunno. Nel giro di ventiquattro ore siamo passati da una temperatura di ventotto gradi, sole e spiaggia ad una bufera di vento e pioggia, che si è portata con sé anche il freddo. Ed io, vi dirò, sono felice. Perché a me l'autunno piace. Mi piace quel senso di lentezza e voglia di riparo che si porta dietro. E mi piacciono tutti i suoi colori: la base luminosa dell'estate lascia il posto a sfumature desaturate. Evviva quel tocco di grigio che dà riposo, è quasi un bisogno psicofisico ma mi voglio ripetere: benvenuto autunno.

Festeggio quindi questo "traguardo" dando un'occhiata alle proposte e alle novità autunnali di Muuto, brand scandinavo il cui nome deriva dalla parola finlandese "muutos" che significa nuova prospettiva.

1 ottobre 2018

Suoni e novità nella Minicasa




È tempo di piccole novità per la Minicasa ed il prossimo autunno ho in programma di continuare con alcuni interventi per renderla sempre più simile alla mia idea di casa e soprattutto per farne lo spazio accogliente, rilassante e funzionale che ogni abitazione dovrebbe essere.

Il primo upgrade che ho recentemente realizzato è stato quello di inserire alcune mensole sotto la finestra del living. Prima era uno spazio poco sfruttato, ora è organizzato meglio e ha quell'idea di "nordico imperfetto" che piace a me. Nessuna rifinitura di lusso {sono semplici assi di legno naturale trattate per impermeabilizzarle}, look minimale e semplice ma grande potenzialità dècor.
E sono state la soluzione ideale per collocare e testare una new entry, la soundbar SF200 di Sony, che l'azienda mi ha inviato per testare.
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...