16 gennaio 2019

Home tour: parola d'ordine "relax"



Che il poco tempo che in queste settimane ho a disposizione per dedicarmi al blog, mi induca a realizzare (finalmente!) testi sintetici?
Direi proprio che questo momento lo richiede, quindi ecco il riassunto del riassunto di questo home tour.
Una mini-casa di 50 metri quadrati con tutto ciò che un rifugio di relax domestico dovrebbe avere: pavimenti in legno naturale profumati e magari anche "scricchiolanti"; una pianta un po' sregolata e con finiture che raccontano la storia della casa; un ingresso organizzato per contenere il disordine e con un tocco di stile che dà il benvenuto come la parete in mattoni a vista;  colori neutrali e tessili autentici e texturizzati; finestre come grandi occhi sul mondo che corre fuori e che fermano, come in un quadro, piacevoli paesaggi urbani; uno studio in camera da letto che invita a fermarsi e creare; ed infine una cucina piccola ma con tutto quello che serve.
















Ho visto questo servizio di home staging la scorsa settimana su Alvhem, agenzia immobiliare svedese.
È già stata venduta.
Credo che il tutto stia nel fatto che la sua presentazione racconta alla perfezione la storia abitativa che si potrebbe vivere tra questi muri. Da stylist questo tema mi è assai caro, lo sapete, ma soprattutto lo sono questi esempi, da cui non smetterò mai di trarre ispirazione.

credit immagini: Alvhem

4 gennaio 2019

Visual story #3: comfortable, moody & raw




Ed è arrivato il 2019 e il blog ha da poco compiuto 8 anni.
E anche se non è ancora diventato maggiorenne, sta crescendo e come tutti i piccoli ribelli, cerca strade di indipendenza, come questa rubrica: le mie visual story, che racchiudono passioni e innamoramenti fugaci, quelli che lasciano un'ispirazione.

1 - 2 - 3 - 4
Nel mese di dicembre ho mancato questo appuntamento, ma non volevo trascurare la winter edition, che per me è il periodo più significativo dell'anno. Il mio preferito e il più confortevole, perché mi porta sempre a meditare, a staccarmi un po' da ciò che mi circonda, per crescere.

Così ho tolto tutte le idee che l'atmosfera del Natale inevitabilmente porta con sé e mi sono concentrata su alcuni temi ricorrenti.

Primo fra tutto la cucina {e a dicembre in effetti ci si scatena su questo fronte}. In pratica lo scorso mese su Pinterest riuscivo a salvare quasi esclusivamente immagini di cucine minimali, banconi e aree attrezzate, tavoli e zone dining, accessori, ceramiche e complementi. E non sto nemmeno pensando di cambiarla, giuro!

E poi i temi e le tendenze a cui il mondo del design e del lifestyle si stanno sempre più avvicinando: texture e materiali autentici, rilassatezza, sostenibilità, imperfezione, creativa eleganza.

Mi piace molto l'evoluzione del concetto di "less is more" che in questi anni si sta affermando. Comprare meno, con più consapevolezza e per una maggiore qualità, estetica e funzionale. Selezionare e avere cura della propria personalità, valorizzarla, affermarla, non come un'estensione di una moda, ma come espressione di unicità, esattamente come dovrebbe essere in ogni casa.
L'ispirazione è tutto, è la base di partenza di questo processo, una sorta di rivoluzione visuale, che induce a creare il tuo mix personale di stile.

La moodboard di questo inizio anno racchiude tutto questo: comfort, eleganza grezza, tempo che vuole scorrere lento e che permette di dare importanza ai gesti quotidiani, chiaro scuri e atmosfere più intime e raccolte.
Che ne dite, vi piace questo inizio?


Immagine di copertina via Coco Lapine Design

Visual story #1: vintage & cosy soul
Visual story #2: simple outdoor
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...