18 ottobre 2017

#NordicLoveITbloggers goes to Sweden: Scandinavian style homes

Non vedevo l'ora di scrivere questo post! Solo che ho voluto dare una sequenza temporale al racconto del viaggio in Svezia del collettivo di blogger Nordic Love di cui faccio parte e quindi ho dovuto aspettare fino a questo appuntamento. E vi dico già che non sarà l'ultimo, olé! E che le sorprese non finiscono qui, ma voglio procedere con ordine quindi restate sintonizzati perché nelle prossime settimane vi racconterò tutto per bene!

Torniamo al tema del post, incentrato sull'interior styling della case scandinave. Vi ho già parlato di casa di Sara, un casa 100% swedish con quel calore tutto italiano che Sara ha saputo mixare allo stile nordico della sua meravigliosa villetta. 

Oggi vi presento altre due case svedesi che abbiamo avuto la possibilità di visitare, ammirare e diciamolo pure, abbiamo "sbavato" non poco dentro le loro mura, stupite dall'effetto Pinterest tramutato in realtà e assolutamente tangibile.


La prima appartiene alla stylist Emma Olai, amica di Sara, che ci ha ospitato per un pomeriggio nella sua meravigliosa casa rossa in falun röd immersa nel verde, vicino a Linköping, con tanto di capanno delle meraviglie, dove Emma tiene (stipa) tutti gli arredi, gli oggetti e i complementi che non utilizza più in casa sua e che possono servirle per i suoi lavori di stylist, che condivide con la fotografa Cecilia Möller anche lei insieme ad Emma per accoglierci!
Pensate che prima dell'aspetto attuale, declinato tutto nel bianco, legno naturale, pattern in nero e tocchi green, la casa di Emma era color pastello, assolutamente in linea con i trend di qualche anno fa. Del resto sarebbe impensabile per una stylist mantenere fermo lo stile della propria casa. Per deformazione professionale e per senso estetico è necessaria una continua evoluzione. È assolutamente nella nostra natura, questo è un concetto che provo a far capire a mio marito, ma non mi ascolta... 










La seconda casa è stata invece una meravigliosa sorpresa a Stoccolma, mentre passeggiavamo per il frizzante quartiere di Söderlmalm, quando abbiamo incontrato una pubblicità che recitava: "visinig" ... ovvero una visita libera ad un appartamento in vendita. E in Scandinavia "appartamento in vendita" significa styling da urlo, home staging elevato all'ennesima potenza o, ad essere sinceri, home staging nel suo vero e proprio significato. Per cui, potevamo non intrufolarci in questa casa nuovamente ad effetto Pinterest? Certo che no! Qui sotto vedete qualche scatto che ho fatto mentre una folla di persone si aggirava discretamente {perché gli scandinavi sono così ed io li adoro anche per questo} per le stanze di questo trilocale, non molto grande ma molto molto figo, con l'affaccio sulla piazza principale del quartiere.


Ma non contenta, la sera sono riuscita a salvare qualche immagine cool direttamente dal sito dell'agenzia che presentava la casa. E che presentazione, una brochure che sembrava una rivista d'arredo da quanto era bella {Ilaria la sta sfogliando assorta nella foto qui sopra!}. 










credits. Alexander White
Il mix tra design nordico minimale, pezzi vintage ed essenze calde, più scure, del legno mi ha stra-convinto, anzi di più, mi ha affascinato. Un altro piccolo sogno diventato realtà, quello di potere conoscere da vicino lo stile scandinavo ed apprezzarne carattere, eleganza, armonia e personalità. 
Ultima notazione: un pavimento così non lo scorderò facilmente. E anche quella luce meravigliosa!

Ed ora veniamo alle lezioni di stile che si possono imparare da queste case che, non va dimenticato, sono passate sotto le preziose attenzioni di stylist professionisti:

  • coerenza, sia nelle scelte di colore che nelle scelte di stile. Per avere una casa effetto Pinterest in stile scandinavo occorre selezionare attentamente arredi e complementi. Niente colpi di testa, anche l'oggetto fuori dai canoni, in realtà è frutto di un attento studio degli ambienti e deve essere perfettamente bilanciato con il resto della casa. Insomma l'effetto sorpresa ci può essere ma non è mai casuale;
  • tendenza green: i tocchi di verde non possono mancare, alle tendenze la Scandinavia risponde portando tra le mura domestiche una natura composta, ordinata ed armoniosa ma affascinante {anche perché certe essenze si trovano facilmente solo là}
  • equilibrio tra nuovo e vecchio: valorizzare le testimonianze del passato e recuperare il vecchio per dargli una nuova veste, rivisitata e attuale, è una delle peculiarità dello stile scandinavo {ma a dirla tutta anche qui in Italia il mercato del vintage ha il suo perché; con la differenza, l'ho visto con i miei occhi, che qui i prezzi sono stratosferici, perché come al solito gli affari li fanno solo alcuni, mentre in Scandinavia, pur essendoci differenze di costo in base al valore dell'arredo, tutto è maggiormente alla portata di tutti}
  • icone del design: il design scandinavo, minimale e pulito, è sempre presente e non manca mai qualche pezzo intramontabile che racconta la storia del design che si è sviluppato nel Nord Europa, soprattutto tra gli anni '30 e gli anni '60. A casa di Emma personalmente ho sospirato ammirando la poltrona in legno CH25 disegnata da Hans J Wegner e prodotta da Carl Hansen & Son e nell'appartamento di Stoccolma occhi a cuore per tavolo e sedie della cucina di Alvar Aalto prodotte dal brand finlandese Artek. Altro sospiro per le sedie (si, sono la mia passione... mi riempirei di sedie e poltrone in casa, ma dove le metto?) della zona dining  nel living in tubolare di metallo e cuoio che ricordano le Cesca di Marcel Breuer

Ma ditemi, quale delle due case scandi-style avete preferito?


13 ottobre 2017

Urban Deco by Sikkens: effetto cemento per le pareti

Due settimane fa sono stata invitata da Sikkens al lancio della nuovissima finitura decorativa Urban Deco e così sono partita insieme a Sarah per raggiungere la splendida location di Cargo, dove si svolgeva l'evento.

Al quarto piano dello store milanese abbiamo ritrovato Camilla e i responsabili Sikkens ci hanno guidato alla scoperta del prodotto, in un tour sensoriale, che ha esaltato sia la nostra vista, per l'estetica dell'impeccabile styling, la palette di colori scelti nell'esposizione e l'incredibile luce, sia il nostro tatto, toccando con mano texture e matericità delle pareti realizzate con Urban Deco.


Questa finitura opaca a base acrilica, infatti, riesce a ricreare l'effetto materico e la texture del cemento, grazie a tecniche applicative artigianali che possono essere realizzate esclusivamente da professionisti abilitati da Sikkens.


L'idea alla base del prodotto incontra le tendenze del momento per gli ambienti interni, orientate verso la ricerca di mood industrial chic e la valorizzazione di elementi grezzi ed imperfetti. Così troviamo l'accostamento di superfici ruvide con arredi sofisticati e materiali raffinati come pelle, legno massiccio, tessuti preziosi. Sono queste contrapposizioni che danno un carattere più distintivo ad una stanza... e trasformano le imperfezioni nel dettaglio giusto, quasi necessario.


{con la partecipazione straordinaria di La Tazzina blu ;) }

Ormai lo sapete che styling e cura dei dettagli sono la mia piacevole fissazione. Potete quindi immaginare come mi aggiravo estasiata tra i vari set creati da Sikkens e dalle stylist di Cargo.

{ con la partecipazione straordinaria di Ms Shabby Chic Interiors ;) }
Pareti effetto cemento, materiali sofisticati, trame e intrecci naturali, complementi scenografici. Tutto è stato pensato per proporre al meglio gli effetti decorativi di Urban Deco, che può essere realizzato con quattro diverse lavorazioni artistiche: inciso, battuto, spatolato e cassero.


L'effetto inciso è quello che ha colpito maggiormente il mio cuore: delicate incisioni orizzontali nell'amalgama della pittura creano un pattern discreto ma con un concept nuovo e molto originale.
A questo aggiungete che la scelta di arredi e accessori per questo set incontrava maggiormente i miei gusti... l'effetto wow era ovviamente garantito!




L'effetto battuto è quello che crea maggior contrasto tra le superfici e gli arredi. Qui è abbinato al divano in pelle liscia in una calda tonalità caramello, che spicca sullo sfondo grigio della parete {sempre con la partecipazione straordinaria di La Tazzina Blu, che per l'occasione si è vestita in tinta!}. È perfetto per appartamenti ampi e loft inondati dalla luce, la quale è in grado di evidenziare design e porosità della finitura.



L'effetto spatolato è forse uno dei più conosciuti ed è in grado di adattarsi a molte situazioni abitative contemporanee. Restando in tema di contrasti, io lo trovo perfetto anche in una casa con un'anima un po' rètro e dai dettagli colorati.



Ed infine l'effetto cassero ricrea, sia con trama orizzontale che verticale, l'effetto delle assi di legno. Molto chic!







Ma ora parliamo di colore.
Urban Deco è proposto in una palette di nove nuance che vanno dai grigi chiari a quelli più scuri e alle tinte più calde del tortora. Queste sono le proposte cromatiche che meglio valorizzano gli effetti decorativi della pittura. Ma se siete stanchi di questi neutri e amate il colore, c'è una buona notizia. Questa finitura può essere preparata anche con le colorazioni della Pietra Urbana. Date un'occhiata e potreste trovare la soluzione più adatta a voi!

Detto questo io trovo che le proposte studiate per Urban Deco siano perfette: tonalità neutre e polverose in grado di dare risalto agli effetti materici dei quattro effetti decorativi e che nella location di Cargo erano immerse in una cornice in tinta Denim Drift, che non dimentichiamoci è stato eletto colore del 2017, perfettamente equilibrate e valorizzate.


Che ve ne pare di questa novità? In questo momento vorrei possedere una casa enorme dove provare senza ombra di dubbio l'effetto inciso. Nella Minicasa purtroppo non vedo soluzioni ma non demordo... l'immaginazione è la mia migliore amica e la voglia di cambiare pure! Chissà che un giorno non decida di dire addio al mio piccolo appartamento per uno più grande?



Immagini: Appunti di Casa
Post scritto in collaborazione con Sikkens Italia



6 ottobre 2017

#Flowinitaliano: quando creatività ed emozione si incontrano

#Flowinitaliano è una community che nasce su Instagram dall'iniziativa e dalla passione di una donna incredibile che ho avuto la fortuna di incontrare anni fa e che ho la fortuna di avere come amica, un'amica speciale. Sto parlando di Anabella, blogger e imprenditrice creativa di My Washi Tape, che con grande entusiasmo e passione ha coinvolto blogger, illustratrici e tutte le sue follower a credere in questo sogno: avere il magazine Flow in edizione italiana.


Ma che cos'è Flow?
Io scoprii questa rivista in Olanda anni fa, grazie ad Ilaria. È un magazine di donne che parlano alle donne e raccontano le loro vite e la loro visione, multisfaccettata, fatta di fantasia, immaginazione e colore,  è un magazine che parla di creatività e di ispirazione, è un magazine per chi ama creare con la carta {che racchiude un universo enorme fatto di illustrazioni, decorazioni, quaderni creativi,  così via}, è un magazine che celebra l'imperfezione con uno sguardo positivo e scanzonato, è un magazine che ti accompagna a prendere tempo per te stessa.


5 ottobre 2017

#NordicloveITbloggers goes to Sweden: Hobo Stockholm design hotel



Gli ultimi due giorni del nostro viaggio li abbiamo passati a Stoccolma, ospiti di un nuovissimo albergo nel centro cittadino, a pochi passi dalla stazione e dalla via principale dello shopping. Si tratta dell'Hobo Stockholm Hotel, un design hotel progettato dall'architetto berlinese Werner Aisslinger, che ha dato una svolta casual, eclettica e giovanile ad un rigoroso edificio anni '70, grazie ad un mix studiato di arredi di design, arte, colore, piante effetto giungla e spazi conviviali.



27 settembre 2017

Heart Wood: il 2018 si tinge di rosa {malva}


Color Futures è il progetto sviluppato dal Global Aesthetic Center, lanciato dalla multinazionale del colore Akzonobel, che ogni anno raduna esperti del settore per decretare il colore che influenzerà le scelte cromatiche nell'interior design dell'anno successivo.

Poche settimane fa l'annuncio: il colore del 2018 è l'HEART WOOD, un rosa carico e desaturato, con tanto grigio, un po' malva e un po' cioccolato, che si ispira ai toni caldi del legno e della pelle.

Ebbene si, è un colore talmente particolare che non esiste una sola definizione cromatica ma la percezione varia a seconda della sensibilità di chi lo osserva.

Binti Home
Come in ogni scelta per arredi e pareti, ad influire e cambiare l'estetica è la luce, ma possiamo dire che gli esperti hanno voluto puntare su un rosa, da qualche anno ormai sempre più protagonista, sofisticato e in grado di interpretare la tendenza a trasformare la propria casa in un rifugio intimo, rassicurante ed accogliente.
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...