26 settembre 2014

Librerie, che passione!

Qualche giorno fa ho realizzato che vivere in una piccola casa mi porta spesso a immaginare soluzioni che non posso avere e a pensare a spazi che vorrei arredare. Insomma, lavoro molto di fantasia! Il che può essere anche un vantaggio, perché aiuta a capire quali idee sono concretizzabili e quali variazioni sul tema si possono realizzare.
Ultimamente rimango sempre più estasiata davanti a librerie super attrezzate a tutta parete o a scaffalature che dividono spazi e funzioni senza barriere. Qualcosa del genere ho inserito in casa mia, come la quinta che separa la zona cucina dal resto del living o la piccola libreria passante che fa da testiera del letto ma, sul lato opposto, crea il mio angolo studio.
Aiuta molto avere una casa con soffitti alti (per intenderci sopra i 3 metri), corridoi e zone di passaggio ampi e arredabili, metrature generose. Però ancora di più fa il progetto e la qualità degli arredi.
Non è sbagliato a prescindere “costruire” la propria casa intorno ad alcuni elementi di cui non si può fare a meno. Basta sapere esattamente cosa e come si vuole realizzare. E occorre anche sapere che cosa si vorrà sacrificare in cambio della nuova soluzione.


Quando ho visto le immagini della composizione C312 del Gruppo Tomasella ho subito pensato che una soluzione contemporanea e dal design semplice ma molto lineare si presta a molteplici esigenze: adatto a chi ama ordine e linee pulite e allo stesso tempo personalizzabile per chi vuole spazi aperti, comunicanti ma comunque distinti, senza rinunciare a soluzioni contenitive, essenziali in qualsiasi casa.

Per chi ama il colore e gli abbinamenti inusuali  sono disponibili molte finiture, materiche, laccate a poro aperto, opache e lucide. Ho provato a giocare un po' con le varie proposte ed è nata questa palette per me assolutamente stravagante (vista le mie preferenze verso il bianco e nero e menta), un po' seventies. Le scaffalature così variopinte sono decisamente esagerate, ma una combinazione di colori su una base bianca, giocando con spazi e disposizionila immagino nella casa di una famiglia moderna, allegra e numerosa, dalle molteplici passioni e dai gusti decisi, con uno stile di vita contemporaneo. Lo dicevo che lavoro molto di fantasia!


Le librerie passanti sono in assoluto gli elementi di arredo per il living che preferisco anche perché si prestano a molti spunti creativi e permettono la comunicazione tra gli spazi in modo discreto. 
Sicuramente una composizione del genere viene valorizzata in spazi sufficientemente grandi da non risultare ingombrante, ma la trovo una valida alternativa per chi è indeciso tra la netta separazione di cucina e living e la scelta dell'open space.

immagini Gruppo Tomasella

25 settembre 2014

Instagram Love #1

Quest'estate ho finalmente aperto il profilo Instagram ed è stato subito amore. Durante la giornata mi capita spesso di scorrere le immagini dei vari profili che seguo ed è una continua ispirazione... quasi come Pinterest!
Molti sono instagramers legati al design nordico e recentemente ho scoperto due profili che adoro.

Il primo è di due sorelle svedesi che condividono le loro idee in fatto di casa e di arredo. Nelle loro foto gli ingredienti principali sono luce, design nordico, bianco e semplicità. Trasmettono esattamente lo stile di vita dei paesi scandinavi.

image @moeofsweden

Il secondo è del blog The Design Chaser di Michelle Halford, neozelandese con la passione del design scandinavo e diventata contributor di magazine e siti web sull'interior. La sua casa è una vera delizia. Domina il contrasto bianco e nero, che sapete essere il mio must have. Alcune foto sono state pubblicate sul magazine digitale australiano Adore Home, date un'occhiata!

immagini @thedesignchaser

23 settembre 2014

Redecorate team!

Nel 2011 partiva la collaborazione con Ilaria e Francesco con l'intento di sognare nuovi spazi e nuove idee. Nasceva il team Redecorate: 3 minds, 1 project!
Parole d'ordine: creatività, contemporaneità, riuso, riciclo, nuovi modi di vivere e concepire gli spazi.

Da allora abbiamo fatto progetti, alcuni ve li abbiamo mostrati, altri sono stati fatti ma non ancora pubblicizzati (ammettiamolo, per mancanza di tempo e per tante vicissitudini che ognuno di noi ha vissuto finora!), abbiamo avuto l'onore e la soddisfazione di vederli pubblicati su Casa Facile, la rivista che ci ha fatto incontrare e che da sempre alimenta e completa le nostre passioni e le nostre idee.
La prima pubblicazione a marzo 2012 e la seconda... pochi mesi fa, sul numero di maggio. E l'occasione del servizio è stata speciale perché per la prima volta abbiamo potuto tradurre il progetto in realtà e, insieme, farne nascere questo servizio. Il restyling del Bar Gambarotta ci ha visto lavorare in team: Francesco ha realizzato gli arredi (è un artigiano bravissimo, date un'occhiata al suo blog!), seguendo lo stile un po' vintage e un po' junkie dell'idea progettuale, Ilaria ed io abbiamo curato lo styling e Ilaria ha catturato tutta l'atmosfera nelle sue bellissime fotografie.





Il Gambarotta e tanti altri progetti ve li raccontiamo nel nostro sito r3decorate.com. Nella to do list ci sono ancora molti post e racconti da inserire ma nel frattempo ci trovate così come siamo: sognatori, alla ricerca costante del tempo ma sempre convinti di seguire le proprie passioni!

Al bar Gambarotta
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...