21 settembre 2016

La nuova collezione AW2016 di Ferm Living

Dopo il post di ieri di una lunghezza imbarazzante, oggi non vi tedio e vado dritta al tema. Vi va di tornare alle atmosfere autunnali? La nuova collezione di Ferm Living è un invito al relax e all'eleganza, tessuti accoglienti e di ottima qualità, design minimal ma con un tocco glamour, impreziosito da dettagli metallizzati, soprattutto nella nuance dell'oro, e toni pastello ma più caldi e polverosi. La mia wish list è lunga, ma le lampade sono tra gli oggetti decor che hanno catturato di più la mia attenzione. E i vostri preferiti quali sono?



















immagini: Ferm Living
SalvaSalvaSalvaSalva

20 settembre 2016

#bloggerlife {buone abitudini da seguire}: drink water e altre cose di me


Tra qualche mese questo blog compirà 6 anni.
È passato molto tempo, è cresciuto tanto, e di questo ringrazio soprattutto voi, è cresciuto insieme a me e grazie a lui ho incontrato persone meravigliose, amici, ho potuto realizzare molti miei sogni e vivere delle grandi soddisfazioni.

È per questo che da un po' penso che debba contenere {probabilmente di nuovo} un po' di me e della mia vita. Io sono piuttosto riservata in questo, fa parte di me e continuerà ad essere così credo, ma devo ammettere che molte mie abitudini sono cambiate da quando sono anche blogger e oggi sento la necessità che questo diario mi accompagni un po' di più in questo percorso e nelle piccole cose. 
A volte ho bisogno di mettere ordine ai tanti pensieri e sollecitazioni che affronto quotidianamente, di entrare un po' più nel personale, di condividere buone e cattive abitudini, quello che imparo o che apprezzo o che non mi piace, ma che va talmente veloce da non avere il tempo di rallentare, per potersi soffermare un pochino di più.


Non pensiate che ho deciso di trasformare questo blog in uno "sfogatoio", io ho sempre odiato andare fuori tema, anche se mi è capitato, e non inizierò certo ora ma francamente qui manca una parte di ciò che condiziona il mio gusto e il mio modo di costruire un ambiente domestico personale.
È quell'insieme di modi di vivere, abitudini e rituali che trasformano una casa in uno spazio abitato {e da abitare!} e non esclusivamente immobile e inanimato. È quella serie di scelte, anche frivole, anche superflue se volete, che oggi si raccolgono sotto il tag molto figo di "lifestyle" ma che di fatto significano "cosa faccio" e soprattutto "come lo faccio", che condizionano il mio modo di abitare e il mio stile.
A volte manca quel post veloce e "facile" {passatemi il termine, lo so che qui non si trattano grandi temi!} in cui metto anche la mia esperienza.

Non so se questa si potrà chiamare una rubrica e che evoluzione avrà, ma un appuntamento periodico potrebbe forse diventarlo. Perché in realtà è una ricerca, di quello che mi fa star meglio e in equilibrio, è un racconto dei miei tentativi. Però so da che cosa voglio iniziare, cioè dalle cattive abitudini che vorrei perdere da quando sono una blogger. Spero che condividerlo qui mi aiuti e magari possa aiutare anche alcuni di voi che hanno le mie stesse difficoltà e necessità. Sembra una cosa seria ma in realtà è molto leggera, giuro.
E comunque va sottolineato che, almeno questo primo appuntamento, non è per nulla veloce, vista la lunghezza a cui sto arrivando. Ma io sono difficilmente sintetica, perdonatemi!

Torno al punto. Io già passavo ore davanti al computer per lavoro. Si perché chi non mi conosce deve sapere che io ho coltivato la passione del blog e dell'interior quando avevo un lavoro già avviato e che continuo ad avere. Sono consulente ambientale e mi occupo di materie che non hanno a che vedere con il mondo della casa. Poi nel 2010 ho iniziato a scrivere sul blog e piano piano anche questo è diventato un lavoro, una parte della mia giornata lavorativa, attraverso collaborazioni che vanno dalla scrittura di articoli, post sponsorizzati {trovate sempre la collaborazione evidenziata nel post}, collaborazioni ad attività di styling, progetti DIY e così via. Sono molto contenta di questa evoluzione perché mi mancava assolutamente una componente creativa nella mia giornata.

Ritorno al punto. Passavo ore davanti al PC e da quando sono anche blogger ne passo ancora di più, contando anche i social network e spesso le nottate, soprattutto agli inizi, sono davvero tante.
Oltre all'inevitabile necessità di ovviare alla staticità di questa attività e di recuperare una dimensione un minimo più sportiva, che è un punto che voglio approfondire in seguito {perché non ho ancora trovato la soluzione giusta e quindi che ve lo dico a fare?!? ma ci sto lavorando}, c'è una questione fondamentale, che è banale ma non poi così tanto, cioè quella di prendere finalmente e definitivamente l'abitudine di bere tanta ma tanta acqua, costantemente e il più possibile.
Mi riguarda da vicino perché da anni soffro di calcoli renali e da anni sono pigra ad affrontare questa situazione. Però lo so che fa bene, lo so, ma poi glisso. Capita anche a voi? Vi prego...ditemi di si!


Però ora sto prendendo questa abitudine, la mattina appena alzata, anche se la cosa continua ad essermi ostica, bevo un gigante bicchiere di acqua e poi riempo il mio fantastico thermos in color verde menta, acquistato in Olanda in uno dei miei ultimi viaggi, e lo piazzo sulla scrivania, nel punto che mi è più visibile. Un po' di design non guasta mai. Se leggete questo blog so che potete capirmi.
Poi ho installato sul Mac l'Activity Timer che utilizzo anche per impostare pause regolari, sufficienti ad organizzare il mio lavoro ma anche a seguire la mia piccola abitudine salutare. Lo so, sembra aberrante ricorrere alla tecnologia per ricordarsi qualcosa che dovrebbe essere istintivo, ma per ora io non riesco a fare di meglio. Avete qualche consiglio in più?


Ora se anche voi siete nella mia situazione, spero che questo mio buon proposito numero uno vi sia di incoraggiamento o utile. E se anche voi, come me, pensate che il design non guasti mai, anche se si sta parlando di bere acqua, vi lascio alcune delle mie scelte preferite per quanto riguarda bottiglie, caraffe e thermos da utilizzare a questo scopo!

1 - 2 - 3 - 4 - 5 - 6 - 7 - 8 - 9 - 10 - 11 - 12 - 13 - 14


Brand: Eva Solo, Design Letters, Normann Copenhagen, Incipit Lab, Maisons du Monde, Ikea, Ferm Living
Shop: Finnish Design Shop, Made in design, Incipit Lab, Maisons du Monde, Ikea, Wonenmetlef


Ve lo avevo detto che alla fine era una cosa leggera.

Buona settimana a tutti... e bevete, mi raccomando!

SalvaSalva
SalvaSalva

15 settembre 2016

SÄLLSKAP: la nuova collezione Ikea porta il verde in casa


Oggi vi presento in anteprima la nuova collezione SÄLLSKAP di Ikea, che arriverà nei negozi a ottobre, quindi tra pochissimo!
Dimentichiamoci per un po' i colori autunnali, soft e meno vivaci, che come avete visto in questo periodo hanno preso possesso del blog, e facciamoci trasportare nel mondo green che i designer di Ikea hanno immaginato per questa collezione in edizione limitata.
Il verde con il grafico bianco e nero, come potete immaginare, sono tra le mie scelte preferite, quindi non posso che essere felice di parlarvene in anteprima.


Una collezione che si ispira alla tradizione artigianale e artistica scandinava ma anche a quella culturale che nel Novecento portò in auge l'idea della "allrum" ovvero di una stanza per tutti, dedicata alla famiglia, grandi e piccini, dove il buon design, esteticamente piacevole ed accogliente, fosse alla portata di tutti.
Un concetto rivoluzionario in allora che oggi è uno dei presupposti del vivere domestico.


Altro aspetto altrettanto importante ed evidente è il richiamo alla vita di campagna, che porta con sé serenità ed armonia con la natura. Concetto che è molto presente anche nella vita contemporanea, come necessità da contrapporre ai ritmi veloci che la modernità ci impone.


A comporre la collezione troviamo mobili, solidi e resistenti perché realizzati in legno massiccio, articoli per la tavola e tanti tessili, e una palette di colori principale con il bianco, il nero e il verde, con alcune punte di colore come il rosa e il giallo.







L'allegria dei tessuti e le soluzioni contenitive che offre questa collezione mi hanno fatto pensare ad uno spazio in casa per organizzare la biancheria e gli oggetti di uso quotidiano. Al posto di una dispensa caotica e buia non sarebbe bello avere uno spazio luminoso e accogliente come questo?

collezione Sällskap: panca - attaccapanni 10 ganci - tappeto - fodere per cuscino - ciotola e piatto - vetrina - tessuti - strofinacci - copripiumino singolo - quaderno - specchio - paralume


immagini Ikea Italia
disegni Appunti di Casa
post in collaborazione con Ikea e CasaFacile

SalvaSalvaSalvaSalvaSalvaSalva
SalvaSalva
SalvaSalva

13 settembre 2016

Kids rooms in blue

Quando ho visto il nuovo colore dell'anno per il 2017, il Denim Drift, mi sono subito tornati alla mente due home tour che avevo selezionato per il blog e che poi, per un motivo o per l'altro, non ero ancora riuscita a pubblicare.
Lo faccio oggi, ma parzialmente, perché in entrambi i casi questo delicato colore veste le pareti delle stanze dedicate ai piccoli di casa.
Entrambi i servizi provengono da The Socialite Family, il cui focus non è solo l'interior design ma come questo si leghi allo stile di vita delle famiglie contemporanee. Nelle foto non c'è solo una casa ma la casa come viene vissuta e concepita dai nuclei famigliari protagonisti. Una prospettiva molto interessante e reale, che va oltre il concetto di styling e offre una visione molto vissuta delle case {di bellissime case, ndr}.

Siamo in due case olandesi, diverse tra loro ma entrambe concepite per un uso rilassato degli spazi, conviviale e aperto a tutta la famiglia, soprattutto ai più piccoli.

La prima è di Sanne, che vive ad Amsterdam con il marito e i loro quattro figli. Nel living si intravede già lo schema cromatico dei colori polverosi e desaturati, anche scuri, che grazie alla luce non perdono la loro intensità.


Il tutto si accentua nella stanza dei bambini più grandi, dove un blu-grigio piuttosto carico si sposa con le caratteristiche di questo vecchio appartamento, come il caminetto in marmo nero, a cui è stata cambiata funzione, trasformandolo in cornice originale per i contenitori dei giochi.
La stessa Sanne ha voluto questo colore perché trasmette un senso di pace e rilassatezza, ideale per i propri figli. Il pavimento in legno, ridipinto di bianco, rende tutto meno drammatico e più luminoso.
Io lo trovo davvero suggestivo, e voi?

12 settembre 2016

I miei DIY preferiti #1

Inizia una nuova settimana, dopo un week end, il mio, piuttosto difficile: stare male e avere la febbre quando fuori la temperatura estiva è altissima e il tempo è afoso, è decisamente una sofferenza. Ma vedo il lato positivo e devo dire che in questi due giorni sono riuscita a raccogliere le idee e definire molti argomenti e temi da condividere sul blog.
Parto oggi con uno che spesso trascuro ma che in realtà fa parte un po' del mio DNA. I progetti DIY hanno per me da sempre un fascino imbattibile, perché come già spiegavo in un vecchio post, l'idea del far da sé porta una bellissima soddisfazione e ha il vantaggio di "costruirsi" una casa su misura e molto personale. I dettagli, come cito spesso, fanno la differenza, tanto più se sono stati creati con le proprie mani!
Stuzzicata da due recenti acquisti, i libri "Design it yourself" di Heju e "Inspirations scandinaves" di Hello Blogzine, punto di riferimento per i progetti fai da te in stile scandinavo, ho raccolto alcuni dei miei DIY preferiti del momento.

1. I piccoli arazzi macramé sono diventati un must have: dilagano su Pinterest e molte crafter e blogger si stanno cimentando in questa arte decorativa. Intrecci a mano con il telaio, ad alto tasso di creatività.
Qui il progetto è di Hello Blogzine, un tutorial passo passo per questo macramé all white in stile gipsy


2. Il porta asciugamani realizzato con tubi di rame dalla forma appiattita, filo e perline in legno. Semplice e di grand'effetto. Spiegazioni {in danese!}  su BoligLiv.


3. Il pannello in legno PegBoard Wall Organizer, per organizzare oggetti e decor a parete. Mi affascinano da sempre. In casa mia le pareti libere sono veramente rare, ma nella riorganizzazione che sto iniziando conto di trovare lo spazio, per ora annoto il tutorial di TheMerrytought {ma in rete ce ne sono tantissimi!}


4. Il cesto portatutto realizzato con corda e manici in pelle ha uno stile impeccabile e minimale e si adatta a qualsiasi esigenza. Per realizzarlo con serve saper cucire, basta la colla a caldo e un po' di pazienza e precisione! DIY di Alice & Lois.


La pelle nei progetti decor per la casa è tornata di gran moda. Tra i miei preferiti il DIY  del reggi-mensola realizzato con semplici strisce di pelle. Qui il tutorial di Sonoma Seven.


Mi è venuta immediatamente voglia di iniziare a creare, e a voi?
Buona settimana!


Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...