18 dicembre 2017

Swedish home ready for Christmas

Questo fine anno è stato molto impegnativo e sono arrivata a pochi giorni dal Natale senza essere riuscita a realizzare tutti i propositi che mi ero pianificata per il blog. Nel 2017 ho raggiunto tantissimi obiettivi, anche non programmati: il blogger tour di Nordic Love {a proposito manca un ultimo capitolo, che arriverà presto} e la collaborazione del nostro collettivo con Idé Inspiration Design per i Lagom Style Retreat {il primo già realizzato la scorsa settimana}, ho viaggiato, ho incontrato amiche e blogger di talento {il mese scorso a Bologna ho avuto l'immenso piacere di seguire un corso con Holly Becker e parlare con lei mi ha fatto capire che bella persona che è, oltre ad avere un talento planetario. È stato emozionante}, ho realizzato il primo workshop con la mia amica Sarah, dopo tantissimi anni che immaginavamo di farlo. E poi l'esperienza gratificante di far parte del team di blogger di CasaFacile, che mi fa crescere e sperimentare, e l'incredibile opportunità di insegnare all'Interior Design Academy di Anna Marras, che proseguirà anche nel 2018, il corso è già in svolgimento!

Si sono molto felice, basta fermarsi a riflettere un attimo per capire tutto quello che di positivo è accaduto. Di solito però si ha più modo e tempo per vedere il negativo, l'imperfetto, il non riuscito. Per me questi aspetti si concentrano sul blog, che non riesce più a contenere tutte le mie ispirazioni. Ed il motivo è semplice: il dettaglio e la cura dei contenuti, la ricerca, l'idea, la realizzazione richiedono tantissimo tempo, tantissima energia e tantissimi sforzi. È un gioco ad incastri nella quotidianità soprattutto per chi, come me, ha un altro lavoro.

Sono riuscita a capire molto in queste settimane difficili, quello che sono e che voglio essere, quale futuro immaginare per questo spazio e come crescere. Manca solo un po' di tempo, un po' di coraggio e un po' di determinazione. Sostanzialmente la sfida è con me stessa, è sempre stata con me stessa. Mi auguro che il 2018 sia l'anno della vittoria. Nel frattempo mi sono rimessa a studiare, molti aspetti e molte cose diverse, ma una delle più fighe è Guido.

Tra tutti questi cambiamenti, realizzati e ipotizzati, quello che forse non cambierà saranno le lunghe premesse, anche in post che hanno tutto un altro intento, come questo. Perché Appunti di Casa per me è stato, è e sarà sempre il diario virtuale della mia passione.


Dunque, detto questo entro nel tema del post, cioè le atmosfere natalizie di una casa nell'isola svedese di Gotland. Una casa in vendita, dove lo styling dell'agenzia ha creato l'attesa del Natale, un Natale semplice, elegante ma con un'anima rustica.


La particolarità è che si può vedere il prima e dopo, la casa spoglia e come può essere. Del dopo ci sono in realtà cinque scatti, cinque set diversi. Ma l'atmosfera c'è tutta {e c'è anche la libreria Ypperlig di Ikea disegnata da Hay, di cui sono perdutamente innamorata}.


L'uso del colore è l'aspetto che in primis ha attirato la mia attenzione. I rossi purpurei e bordeaux, più sofisticati e d'atmosfera rispetto al classico rosso Natale, accostati alle tinte naturali del legno e della pietra sono una combinazione affascinante.
Le discrete decorazioni, semplici rami verdi e la luce delle candele scaldano immediatamente gli ambienti. Il Natale nordico che piace a me è così {purtroppo non sono ancora riuscita a convincere mio figlio, che vorrebbe cose "kitchissime" per tutta casa, ma pian piano ci sto lavorando}. E comunque la ghirlanda con candela appesa alla finestra della cucina è già nella lista dei progetti DIY del prossimo anno {per questo Natale ho saltato l'appuntamento per dedicarmi alla preparazione del workshop con Sarah Tognetti, ma il prossimo non lo mancherò}.



Le scelte di arredo e dei complementi, in tonalità scure e fredde sono azzeccatissime per smorzare l'effetto baita di montagna del legno di pino presente a soffitto, nella struttura della cucina ed in altre parti strutturali della casa. Il tutto è bilanciato e rende la casa più contemporanea.



Ditemi, non vi piacerebbe passare il Natale in una casa così? Una vacanza speciale, al caldo davanti al camino, scorgendo il mare all'esterno illuminato dalla luce del faro della cittadina? A me tantissimo, sapete che la Svezia per me è ormai una patria spirituale. Non posso che sognare e aspettare agosto quando tornerò a Linköping per il mio workshop durante il Lagom Style Retreat dedicato all'autunno. State sintonizzati perché nei primi mesi dell'anno vi darò maggiori aggiornamenti in proposito. Nel frattempo date un'occhiata a tutti i viaggi d'ispirazione proposti, il prossimo sarà a maggio con special guest Serena di Cappello a Bombetta.

Buona settimana e a presto con il prossimo post. Nel frattempo mi trovate tutti i giorni su Instagram, in diretta dalla Minicasa e dintorni!

Immagini: Fastighetsbyran

2 commenti:

  1. Ciao Vale, leggo sempre i tuoi post su IG e qui sul blog e credimi, solo quando lo scrivi mi ricordo che hai "un altro lavoro" perchè la mia percezione è quella di seguire una Persona che si dedica al 100% a questo progetto meraviglioso e con un successo pazzesco.
    l'adagio: fai ogni cosa come se fosse un capolavoro ti si addice perfettamente.
    Complimenti e auguri affinchè il prossimo anno sarà esattamente come lo desideri.
    Ale

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ale ti ringrazio tantissimo per questo commento! Mi hai reso felice e orgogliosa di quello che faccio! Conserverò le tue parole con cura.
      Un grande abbraccio
      Vale

      Elimina

Grazie a tutti voi per esservi fermati qui e per aver lasciato un commento!
Thank you all for leaving your comments! I love to share thoughts and ideas with you!
Vale

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...