31 marzo 2017

White experience e altre novità sulla Milano Design Week 2017



Si conclude anche questa settimana faticosa con una prospettiva esaltante, cioè la Milano Design Week 2017 alle porte. Al via ufficiale nella giornata di martedì prossimo, già il lunedì ci saranno tante preview e spazi da curiosare.

Io arriverò proprio il primo giorno, ma troppo tardi per tentare di scoprire qualche anteprima, e resterò fino al venerdì. Non vedo l'ora, anche se anche quest'anno il mio mantra sarà di provare a vivere l'esperienza della Settimana del Design in modo slow (il più possibile e quando possibile), godendo anche del contesto urbano, quello di Milano, così variegato, ricco e affascinante.

CasaFacile Design Lab - Brera

La prima bellissima novità che vi voglio dire è che Casa Facile, per l'occasione e per festeggiare il suo 20 anniversario, ha creato una casa speciale, il Casa Facile Design Lab, allestito dalle stylist che collaborano da anni con il magazine, Studio Pepe, dove ci saranno tanti eventi, workshop e incontri... anche con le blogger CF style! Ci sarò anch'io, mi troverete martedì dalle 10 alle 14, così potremo conoscerci in questo meraviglioso contesto, in una delle mie zone preferite del Fuori Salone, Brera. Segnatevi l'indirizzo: Via Solferino 14. Vi aspettiamo!

Vi parlerò meglio lunedì di quali saranno alcuni altri imperdibili appuntamenti (per me ovviamente!), ma oggi mi focalizzo su un tema che questa nuova edizione del Fuori Salone metterà in luce e che ovviamente ha attirato la mia attenzione.

White in the city - Palazzo Cusani

Sapete da sempre quanto il nordico e luminoso bianco sia una delle mie scelte preferite per gli interni. Quest'anno, proprio nel cuore di Brera, sarà ospitato l'evento "White in the City", proprio dedicato a questo colore, in diverse location già meravigliose di loro: dall'Accademia di Brera, alla Pinacoteca a Palazzo Cusani e molte altre, per raccontare, sotto diversi punti di vista, il bianco.

Il bianco, simbolo di benessere e tranquillità, verrà interpretato nelle diverse sfaccettature: vivere, abitare, contemplare, informare, solo per citarne alcune. Maestri del design e dell'architettura sono stati chiamati a raccontare questa storia, in equilibrio tra arte e design. Inutile dirvi quanto io sia curiosa di seguire questo percorso cromatico, artistico e sensoriale. So che sconfina un po' con i temi che mi appassionano, ma con il tempo ho imparato che sono proprio questi eventi, e la creatività e innovazione che si portano dietro, i principali elementi che aprono la mente e danno le giuste ispirazioni.
E poi, lo ammetto, sono curiosa di capire come questo colore, che spesso viene definito non colore, asettico, freddo impersonale, banale, sia rivisto e in qualche modo riabilitato dai professionisti. Spero di riuscire a capirlo! Così poi ve lo racconto.

E ora, per concludere, vi dico che questo spunto di White in the city mi ha dato la motivazione per pubblicare un home tour che avevo in bozza da un bel po'.
Sempre per il motivo di cui sopra: gli interni scandinavi portano a schieramenti contrapposti: chi li ama e chi li odia. Io li osservo da molti anni, non credo riuscirei a vivere nel minimalismo {con due maschi, mediterranei, in casa... neanche volendo}, ma sono assolutamente convinta che luminosità e pulizia cromatica sono una terapia di benessere.

Quindi sono ostinata e vi ripropongo questa casa, che è anche una piccola casa, la mia specialità. Sessanta metri quadrati di "vintage nordic touch and scandi vibes", come era previsto dal titolo del post originale. Qui il bianco è scaldato dalle linee e forme di arredi rétro e dalle essenze del legno, anche più scuro di quello naturale, una tendenza attuale, che ricorda appunto la bellezza e la storia del vintage (quello degli anni '60). Spero vi piaccia, fatemi sapere cosa ne pensate qui sotto nei commenti!
















Nel frattempo, vi saluto e vi rimando al post di lunedì {salvo imprevisti... ma dai, speriamo di no!}. Per il resto della settimana mi trovate sui social, in particolare su Instagram. Sopravviverò alla settimana più intensa, inspirante, impegnativa e incredibilmente viva dell'anno?
...restate sintonizzati!

immagini home tour: Stadshem via Kreavilla



SalvaSalva

27 marzo 2017

Tonalità terracotta e il design di Geelli per la Minicasa


Ve lo avevo annunciato qualche tempo fa: le tonalità del terracotta mi hanno conquistato e il mix con i colori freddi, che dominano la Minicasa, in questo momento mi sembra la soluzione ideale per affrontare la bella stagione.

Senza fare troppi stravolgimenti, a volte bastano pochi accessori, ben studiati, dal design che si fa notare e dosati con equilibrio nel proprio spazio.

Le ultime novità arrivate nella Minicasa sono realizzate dall'azienda italiana Geelli, che propone accessori morbidi e colorati in materiale plastico, lavorato e assemblato in maniera artigianale.
Le soluzioni sono moltissime e intelligenti ed io ho voluto provare alcuni prodotti che mi aiutassero nell'organizzazione, versatili e mobili ma assolutamente riconoscibili.


Il cesto porta tutto MAG è stato il mio primo colpo di fulmine. Perfetto per la mia zona studio, che in questo particolare periodo è nomade: dalla camera da letto la sposto frequentemente nel living, per godere meglio di luce e spazio. Cuffie, agenda, cellulare e fili carica batteria sono tutti riposti nel cesto, così posso spostarli comodamente con un solo gesto e, quando devo risistemare il tavolo per la cena, metto tutto lì dentro e non se ne parla più!
Il bottone magnetico, poi, chiude il cesto ed è tutto in ordine.



Anche se ogni sera sono costretta a riportare il computer nella postazione originaria, devo ammettere che non mi pesa perché ora la zona studio è nell'ambiente di casa che preferisco e che mi fa star meglio. Poi sul grande tavolo c'è posto anche per il table setting da ufficio, così non mi dimentico di pranzare... cosa che succedeva spesso!


Anche il sottopiatto è di Geelli in una bellissima nuance blu avio. Semplice e pratico, si pulisce velocemente, il che per me è un plus: da quando è nato mio figlio e gli impegni di lavoro si sono fatti più pressanti, devo spesso rinunciare ad utilizzare i tessili, perché non riesco a stare dietro alle mille lavatrici e soprattutto a stirare! Così li uso solo in certe occasioni e per tutti i giorni largo alle soluzioni comode!



Un tocco terracotta anche per la cucina, dove il bianco e nero {e un po' di verde menta} regnano sovrani. Qui ho organizzato gli accessori per lavare i piatti con il contenitore Landscape Double Cup, che  può essere usato anche per la scrivania.




E come chicca finale, l'oggetto in gel poliuretanico che ha fatto impazzire mio marito, quello dal cuore di pietra e dall'interesse pari a zero verso l'home decor: PATCH, il mini contenitore adesivo per rametti di piante aromatiche, adatto ad essere posizionato direttamente sulla finestra e, nel mio caso, avendo uno spazio luminoso, anche nella parete frontale della cucina. Si incolla facilmente, non lascia alcun segno e non cade o scivola. Mi piace l'idea di avere un tocco green pronto uso.


Non so voi, ma io non sono mai riuscita a mantenere le piante aromatiche in casa. Senza uno spazio esterno e una buona esposizione al sole, dopo un po' di tempo si auto-suicidano. Questa soluzione mi è parsa un buonissimo compromesso, voi che cosa ne pensate?



Immagini e styling Valentina Raviolo @Appunti di Casa


Post scritto in collaborazione con Geelli e Home Style Blogs

24 marzo 2017

Voglia di primavera


Buon venerdì amici!
La primavera è arrivata e anche se in questo momento qui sta piovendo, la luce e la temperatura hanno innescato la consueta voglia di vivere questa primavera al meglio, stando all'aperto e godendo appieno di questa stagione del risveglio.

Ieri sono stata al press day della Glass House dello store Ikea di Torino, ve lo racconterò in un prossimo post, però questo spazio espositivo dedicato all'outdoor e al gardening  mi ha messo talmente di buon umore che oggi volevo condividere con voi questo spirito!

Tra l'altro nel negozio, che è il più grande d'Italia, ho potuto vedere alcune delle nuove collezioni appena arrivate per allestire piccoli spazi felici dentro e fuori casa, come le lampade della serie Solvinden e i tessili e gli accessori Sommar.



Per chi ha uno spazio esterno basta poco: un nuovo cuscino, un tappeto colorato in plastica, qualche lanterna in carta da appendere e si crea subito la giusta atmosfera.
Ma questi prodotti ormai sono talmente versatili e facili da utilizzare anche dentro le mura di casa. Portano la primavera e ci ricordano che è giusto concedersi piccoli momenti di relax e rigenerazione.
E allora benvenuta Primavera!
E voi avete già ricreato il vostro Eden domestico?


Immagini: Ikea Livet Hemma
Video: IKEAitalia

21 marzo 2017

Home tour: a casa di Saija Starr

Buongiorno e buon primo giorno di primavera!

Oggi vi porto a casa di Sajia Starr, blogger, artista e pittrice finlandese che ho "incontrato" su Instagram. È stata così gentile da permettermi di mostravi il suo appartamento accogliente e allegro, dove i canoni scandinavi si mixano alla perfezione con la sua arte, i suoi colori, il suo amore per gli arredi vintage e il suo stile green.


Il suo profilo instagram è @saijacosyhome e questo nome trasmette esattamente la sensazione di intimità, confortevolezza e accoglienza che mostra la sua casa.
Una casa reale e possibile, un piccolo spazio che accoglie nel living anche la zona notte e l'home office, senza divisioni o barriere. I colori e le piante verdi legano il tutto, con molta armonia e naturalezza.

14 marzo 2017

Artigianato e design con The Dharma Door

Avete presente quella sensazione che si prova guardando un angolo della propria casa a cui vorreste dare un'aria più calda e accogliente ma non riuscite proprio a trovare la soluzione giusta?
Io mi sono posta molte volte questa domanda negli ultimi mesi e le trasformazioni che sto attuando vogliono tutte rispondere all'esigenza di rendere la mia abitazione più intima e piacevole da vivere.
Il bianco ha un effetto luminoso, la grafia del nero ravviva, l'accostamento dei due è un elemento decor dal sapore nordico per me imprescindibile, il verde menta è un tocco di colore delicato e fresco, ma in questo quadro mancava qualcosa.

La risposta l'ho trovata in due elementi fondamentali: materiali naturali e artigianato.
Se a questo si aggiunge il fattore "handmade", la combinazione diventa perfetta.


Oggi vi voglio parlare di un brand che ho conosciuto qualche mese fa, The Dharma Door, uno shop australiano specializzato in articoli per la casa provenienti dal commercio equo e solidale, che si sta aprendo al mercato europeo e presto sarà possibile acquistare i prodotti direttamente nella piattaforma online creata per l'Europa.

I materiali grezzi e naturali sono diventati una vera e propria tendenza per vestire e decorare la propria casa: richiamano immediatamente all'autenticità di ciò che si trova in natura e hanno quasi un effetto di detox domestico da tecnologia e innovazione. Per chi come me ama pensare alla propria casa come ad un habitat rilassato e in cui rilassarsi, questo effetto è fondamentale.
I materiali raw, aggiunti a piccole dosi, scongiurano un effetto troppo rustico ma scaldano immediatamente l'atmosfera di una stanza.

9 marzo 2017

Colour trend: terracotta {+ shopping list}


Alessandra Salaris (photo Beppe Brancato)
Nel corso del 2016 si è affermato un trend del colore che elegge le sfumature del terracotta, fino ad arrivare ai rosa aranciati effetto "blush", protagonisti di styling e prodotti di home decor.
Sapete che non amo molto i colori caldi, ma le proposte che arrivano dal mondo casa, declinate nel terracotta e ditorni, riescono ad essere moderne ed eleganti e si prestano a vari accostamenti con tonalità più neutre e fredde, come ad esempi i grigi.

1 - 2 - 3 - 4
Si tratta di un colore che ricorda le tradizioni e la natura, ma se utilizzato in oggetti dal design contemporaneo o minimale, riesce a essere sofisticato ed energico al tempo stesso. Un tocco di carattere che non passa inosservato in una stanza. Schiarendolo e arrivando alla tinta pelle, diventa più delicato e poetico. Io lo trovo davvero interessante.

1 marzo 2017

Restyling Minicasa 2.0: un nuovo colore {Farrow & Ball} per l'ingresso



La settimana scorsa è stata a dir poco sfiancante. Stanca di vedere scatole e disordine ovunque, ho accelerato i lavori che avevo programmato per il restyling dell'ingresso di casa.

Non pensate all'ingresso come ad una stanza o un disimpegno a sé stante ma di una piccola zona  che ho creato anni fa perché, nonostante le superfici ridottissime del living, l'idea di entrare direttamente nella zona giorno, senza un filtro, mi disturbava non poco. E mi chiedo: ma perché oggi nelle case moderne si tende a togliere questo spazio, non solo interessante, ma utilissimo? Noi continuiamo ad avere ed utilizzare una serie di oggetti quando usciamo ed entriamo in casa e quindi perché non dovremmo continuare ad avere bisogno di soluzioni per riporli senza averli continuamente alla vista? 

A parte questa riflessione, la cui risposta legata a ragioni di mercato immobiliare non mi soddisfa (sappiatelo!), era da un po' di tempo che riflettevo su come trasformarlo in un benvenuto visivo in linea con il mio stile. E per farlo sono partita dal colore. Volevo staccarmi dal bianco che regna sovrano nella Minicasa ma senza rinunciare a tonalità rilassanti e luminose.


La risposta è stata, come vi avevo già annunciato qualche tempo fa, il nuovo colore "Cromarty" di Farrow & Ball, un verde grigio sofisticato, leggero e naturale, che si ispira alle nebbie marine.
Ebbene sono felicissima e orgogliosa di dirvi che Farrow & Ball ha creduto nel mio progetto e mi ha permesso di testare la qualità delle sue pitture.
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...