23 dicembre 2017

Simplicity in my room

Ci siamo, è quasi Natale, è quasi vacanza, è quasi relax! Questo sarà il penultimo post del 2017 e, sperando di mantenere questa programmazione e non farmi troppo prendere dal collasso post pranzi e cene delle festività, guardo già al 2018 con in mente alcune parole chiave, prima fra tutte: semplicità.
Nelle mie intenzione voglio rendere molti aspetti più semplici, sia nello stile di vita che in casa.

Semplice, accessibile, con attenzione e cura nei dettagli. È così che immagino il mio cammino verso il prossimo anno, almeno idealmente. In pratica sarebbe una traduzione di quello che sono e sono sempre stata. Io amo i dettagli; per me sono lo spartiacque tra la casualità e l'eccesso, e riescono a dare quella ricercatezza e personalità in quello che si fa o che ti circonda.


Così in questo fine anno, ho iniziato a pensare a come tradurre tutto questo nella mia organizzazione e nella Minicasa. Per quest'ultima sapete che ho sempre un'attenzione particolare e la soluzione che più mi soddisfa è quella del togliere, invece che aggiungere. Finora è stato il contrario: mi sono trovata a volere concretizzare lo stile che più mi piace in una situazione completamente differente e quindi ad acquistare e inserire oggetti e arredi in linea con i miei gusti. In uno spazio ridotto questo può essere frustrante. Lo è stato, ha creato un po' di confusione e necessità di riorganizzazione. Decorare è divertente ma il rischio è appesantire, riempire in eccesso.

Ora è venuto il momento del passaggio successivo: razionalizzare, scegliere, dare più coerenza e semplicità al tutto. E per non rischiare di appiattire troppo lo stile, la scelta ottimale è quella di inserire oggetti di valore e di ottima qualità. Anche i trend dell'ultimo anno lo suggeriscono: le proposte dei brand di interior si orientano sempre più verso i metalli preziosi, il vintage design, tessuti eleganti, il velluto, il legno massiccio e così via. 


Non c'è altro da aggiungere, la parola d'ordine è qualità, qualità senza tempo, eleganza. Il che si sposa perfettamente con concetti come equilibrio e semplicità. Bingo!

E qui arriviamo al punto. Parliamo di tessuti, naturali e raffinati, come il lino. Era da tantissimo tempo che volevo un sacco piumino in lino per la biancheria della mia camera da letto. Al tatto è piacevolissimo ed esteticamente mi piace molto l'effetto un po' stropicciato ed un po' "nuvola" che riesce a creare. Dona quel tocco di matericità senza perdere l'impronta di eleganza. 


Il desiderio è diventato realtà con il completo copripiumino "Manhattan" di Minardi, in puro lino e che ho scelto in bianco, semplice ed essenziale. È perfetto per creare un'atmosfera di calma e relax. Inoltre il bianco è un colore che si adatta ad ogni stagione e che si può abbinare con tutti i complementi tessili che possiedo. Infine risalta molto di più con la parete grigia su cui è appoggiato il letto, sulla quale in realtà ho già programmi diversi e una colorazione più decisa che mi piacerebbe introdurre il prossimo anno. 



Ho già collaborato in passato con questa azienda italiana che ha fatto della qualità  e dell'attenzione ai materiali e metodi di produzione il proprio cavallo di battaglia. E devo dire che anche questa volta non mi ha deluso. Abbiamo già testato il copripiumino e promosso a pieni voti. Anche da Lunatico!


Per questo ho una sorpresa per voi, e a Natale le sorprese sono ancora più gradite: con il codice VALENTINA17 avrete uno sconto del 20% sul vostro acquisto effettuato sul sito di Minardi.
Un regalo per voi e per la vostra casa. 
Potete scegliere tra accessori, trapunte e imbottiti, con tante opzioni e la possibilità di personalizzare il vostro piumino e scegliere i modelli di guanciali e  piumini più adatti alle vostre esigenze, grazie ai test che vi guidano passo passo nella scelta più idonea.
Siete ancora in tempo per farvi un regalo super!


Con questo vi auguro di passare le prossime feste in serenità e in allegria, aspettando un anno, il 2018, che tutti noi, sono sicura, vogliamo rendere migliore.
Buon Natale.

Immagini e styling Appunti di Casa
Post in collaborazione con Minardi

18 dicembre 2017

Swedish home ready for Christmas

Questo fine anno è stato molto impegnativo e sono arrivata a pochi giorni dal Natale senza essere riuscita a realizzare tutti i propositi che mi ero pianificata per il blog. Nel 2017 ho raggiunto tantissimi obiettivi, anche non programmati: il blogger tour di Nordic Love {a proposito manca un ultimo capitolo, che arriverà presto} e la collaborazione del nostro collettivo con Idé Inspiration Design per i Lagom Style Retreat {il primo già realizzato la scorsa settimana}, ho viaggiato, ho incontrato amiche e blogger di talento {il mese scorso a Bologna ho avuto l'immenso piacere di seguire un corso con Holly Becker e parlare con lei mi ha fatto capire che bella persona che è, oltre ad avere un talento planetario. È stato emozionante}, ho realizzato il primo workshop con la mia amica Sarah, dopo tantissimi anni che immaginavamo di farlo. E poi l'esperienza gratificante di far parte del team di blogger di CasaFacile, che mi fa crescere e sperimentare, e l'incredibile opportunità di insegnare all'Interior Design Academy di Anna Marras, che proseguirà anche nel 2018, il corso è già in svolgimento!

Si sono molto felice, basta fermarsi a riflettere un attimo per capire tutto quello che di positivo è accaduto. Di solito però si ha più modo e tempo per vedere il negativo, l'imperfetto, il non riuscito. Per me questi aspetti si concentrano sul blog, che non riesce più a contenere tutte le mie ispirazioni. Ed il motivo è semplice: il dettaglio e la cura dei contenuti, la ricerca, l'idea, la realizzazione richiedono tantissimo tempo, tantissima energia e tantissimi sforzi. È un gioco ad incastri nella quotidianità soprattutto per chi, come me, ha un altro lavoro.

Sono riuscita a capire molto in queste settimane difficili, quello che sono e che voglio essere, quale futuro immaginare per questo spazio e come crescere. Manca solo un po' di tempo, un po' di coraggio e un po' di determinazione. Sostanzialmente la sfida è con me stessa, è sempre stata con me stessa. Mi auguro che il 2018 sia l'anno della vittoria. Nel frattempo mi sono rimessa a studiare, molti aspetti e molte cose diverse, ma una delle più fighe è Guido.

Tra tutti questi cambiamenti, realizzati e ipotizzati, quello che forse non cambierà saranno le lunghe premesse, anche in post che hanno tutto un altro intento, come questo. Perché Appunti di Casa per me è stato, è e sarà sempre il diario virtuale della mia passione.


Dunque, detto questo entro nel tema del post, cioè le atmosfere natalizie di una casa nell'isola svedese di Gotland. Una casa in vendita, dove lo styling dell'agenzia ha creato l'attesa del Natale, un Natale semplice, elegante ma con un'anima rustica.


La particolarità è che si può vedere il prima e dopo, la casa spoglia e come può essere. Del dopo ci sono in realtà cinque scatti, cinque set diversi. Ma l'atmosfera c'è tutta {e c'è anche la libreria Ypperlig di Ikea disegnata da Hay, di cui sono perdutamente innamorata}.


L'uso del colore è l'aspetto che in primis ha attirato la mia attenzione. I rossi purpurei e bordeaux, più sofisticati e d'atmosfera rispetto al classico rosso Natale, accostati alle tinte naturali del legno e della pietra sono una combinazione affascinante.
Le discrete decorazioni, semplici rami verdi e la luce delle candele scaldano immediatamente gli ambienti. Il Natale nordico che piace a me è così {purtroppo non sono ancora riuscita a convincere mio figlio, che vorrebbe cose "kitchissime" per tutta casa, ma pian piano ci sto lavorando}. E comunque la ghirlanda con candela appesa alla finestra della cucina è già nella lista dei progetti DIY del prossimo anno {per questo Natale ho saltato l'appuntamento per dedicarmi alla preparazione del workshop con Sarah Tognetti, ma il prossimo non lo mancherò}.



Le scelte di arredo e dei complementi, in tonalità scure e fredde sono azzeccatissime per smorzare l'effetto baita di montagna del legno di pino presente a soffitto, nella struttura della cucina ed in altre parti strutturali della casa. Il tutto è bilanciato e rende la casa più contemporanea.



Ditemi, non vi piacerebbe passare il Natale in una casa così? Una vacanza speciale, al caldo davanti al camino, scorgendo il mare all'esterno illuminato dalla luce del faro della cittadina? A me tantissimo, sapete che la Svezia per me è ormai una patria spirituale. Non posso che sognare e aspettare agosto quando tornerò a Linköping per il mio workshop durante il Lagom Style Retreat dedicato all'autunno. State sintonizzati perché nei primi mesi dell'anno vi darò maggiori aggiornamenti in proposito. Nel frattempo date un'occhiata a tutti i viaggi d'ispirazione proposti, il prossimo sarà a maggio con special guest Serena di Cappello a Bombetta.

Buona settimana e a presto con il prossimo post. Nel frattempo mi trovate tutti i giorni su Instagram, in diretta dalla Minicasa e dintorni!

Immagini: Fastighetsbyran

12 dicembre 2017

Il Natale country nordic a casa di Sarah Tognetti



La prima domenica dell'avvento ho realizzato insieme a Sarah Tognetti, il workshop sul Natale nordico nella sua deliziosa casetta, che sta diventando sempre di più "nordic style" e sempre meno shabby chic. Lo ammetto, la mia influenza c'è stata in questi anni di amicizia ma Sarah ha saputo reinterpretare e personalizzare questo stile in base al suo gusto e alle sue inclinazioni e devo dire che siamo riuscite nell'intento di rendere unica questa esperienza.


Dall'idea iniziale di aiutare Sarah a realizzare uno styling natalizio per la sua casa, siamo passate a pensare ad un workshop in cui mostrare le atmosfere nordiche realizzate in casa sua e realizzare due laboratori creativi, uno per realizzare la propria moodboard d'ispirazione e l'altro dedicato alle decorazioni handmade da portare a casa con sé. È stata una giornata piena di energia e positività!


Quando si pensa allo stile nordico, la mente va ad atmosfere minimali e un po' fredde ma in realtà nella penisola scandinava, soprattutto nel periodo del Natale, la natura entro dentro le mura domestiche per dare più calore, più concretezza, più matericità. La base è semplice ed il legno, i rami verdi, la luce delle candele scaldano immediatamente gli ambienti, che diventano ancora più accoglienti.
In questo quadro, l'impronta un po' più rustica, un po' più country che contraddistingue la casa di Sarah, una villetta in pietra nell'entroterra genovese, era in perfetta sintonia con il concetto visivo che volevamo realizzare.


L'elemento in più è stato quello cromatico. Sotto il motto "blue is the new black" abbiamo aggiunto discreti tocchi di blu alla base naturale delle stanze, colore che Sarah ha scelto per personalizzare il suo amore sempre più crescente per lo stile nordico. Ed io sono stata felicissima di assecondarla: è un colore morbido e molto versatile, elegante e positivo.


La prima parte della giornata è stata dedicata al tour della casa e alla descrizione delle decorazioni e dei set realizzati. Tante lucine e candele incorniciavano le stanze della casa, un ramo spoglio di un albero, trovato nel bosco dalle bimbe di Sarah, è diventato l'albero di Natale perfetto: è bastato aggiungere decorazioni DIY di carta {stelline e diamanti effetto 3D}, qualche filo di luce e alcune ghirlande realizzate con perline di legno. Il table setting è stata la parte più divertente e creativa: un mix di materiali con la giusta armonia e contrapposizione. Il sottopiatto in fibra naturale è di Ikea, come anche il piatto bianco, mentre il piattino in ceramica decorato con i toni del blu è un acquisto di Sarah in un mercatino della zona. Come segnaposto una pallina in vetro trasparente legata ad un rametto di rosmarino {che circonda il giardino della casa} su cui abbiamo attaccato la targhetta adesiva con il nome impresso con la Dymo. Pigne, microlucine a forma di fiocco di neve e candele hanno fatto il resto. Una tavola con un'anima un po' grezza e un po' sognatrice. Non troppo formale e pratica, minimale ma con un pizzico di magia. Noi italiani siamo abituati a lunghi{ssimi} pranzi di Natale seduti intorno al tavolo e allora perché non dimenticare un po' di formalità per aggiungere semplice originalità?
Anche il primo piano della casa ha subito la nostra "furia" decoratrice. Non potevano mancare le tipiche Stelle di Natale in carta {queste sono il modello Stråla di Ikea}, che abbiamo fatto cadere dal soffitto del disimpegno {solitamente sono appese alle finestre delle case scandinave}. E alla porta della camera delle bimbe un calendario dell'avvento un po' diverso: tante cartoline e illustrazioni che accompagnano la conta fino al giorno più magico e atteso dell'anno.


Il risultato di questo lavoro che ci ha tenute occupate ed unite negli ultimi mesi lo vedete in questi scatti rubati durante la giornata passata insieme alle nostre ospiti. Che ne dite? Vi piace il risultato?

Styling: Valentina Raviolo e Sarah Tognetti

7 dicembre 2017

Cobo lamp per la zona pranzo

Buona settimana amici, ci stiamo avvicinando al Natale e prima che la Minicasa venga invasa da piccole lucine e decorazioni in ogni angolo {ogni anno vorrei essere sempre più minimale ma, come già sapete, è una lotta con l'animo kitch di mio figlio!}, vorrei mostrarvi l'ultima new entry per la mia zona pranzo.


Vi ricordate la ghirlanda luminosa che ho utilizzato per la camera da letto? Sempre in collaborazione con COBO ho realizzato un nuovo punto luce per il tavolo nel living. Anche in questo caso ho potuto scegliere una combinazione personalizzata della lampada ed ho optato per la versione a due sfere, anzi per la precisione una sfera ed una semisfera.

Ho scelto la sfera in tinta grigio Stone e la semisfera in bianco, realizzate a mano con fili di cotone,  entrambe con diametro 35 cm. Mi piace molto l'atmosfera che creano queste lampade: la trama del filo di cotone intrecciato filtra la luce che si diffonde in modo delicato ma efficace. È perfetta per uno spazio piccolo come il nostro, perché riesce a definire la zona pranzo ma anche ad illuminare tutto il living senza essere troppo invasiva.



Io ho una vera passione per i punti luce, ne ho creati tantissimi in uno spazio ridotto, volevo che ogni funzione avesse un'illuminazione ottimale. Credo di aver esagerato un po' ma mai quanto il precedente proprietario che ha disseminato orribili faretti nel corridoio tanto da farlo sembrare quasi una pista di atterraggio. Terribile, molto effetto anni '90. Nella mia lista delle cose da fare c'è anche rifare il controsoffitto di questa porzione di casa, ma finisce sempre dietro a qualcosa più urgente! Prima o poi ci riuscirò.



Tornando ai punti luce, mi piace aver dato un po' più di leggerezza alla zona dining, la lampada nera modello industrial che avevo prima mi piaceva ma questa combinazione crea un mood più poetico e leggiadro. Che cosa ne pensate, vi piace il risultato?



Io spero di si perchè ho una bella notizia per voi! Avete la possibilità di vincere una COBO lampada nella versione con base di appoggio e sfera bianca diametro 35 cm, partecipando al contest che lancerò oggi su Instagram e che avrà in giuria la stylist e blogger Ilaria Chiaratti.

Come funziona il contest? Ve lo spiego subito:
1. cercate sul mio profilo Instagram la foto con la COBO lamp e mettete un like;
2. seguite il mio profilo e quello di COBO
3. scattate una foto del vostro angolo di casa a cui vorreste dare una nuova luce con la lampada da appoggio COBO e usate l'hashtag #lightupADC
4. avete tempo fino al 20 dicembre per partecipare

Ilaria sceglierà la foto più interessante tra tutte le partecipanti ed il vincitore riceverà a casa sua la lampada. Partecipate numerosi, dai che a Natale è bello ricevere belle sorprese. Se poi sono anche belli ed utili, ancora meglio. Vi aspetto su Instagram!


immagini Appunti di Casa
post in collaborazione con COBO


1 dicembre 2017

Cool open space in London

Jules Rogers è l'art director dell'Ikea Family Magazine, la rivista di Ikea {che in molti paesi è cartacea, mentre qui in Italia possiamo vederla tramite la sezione "idee" del sito web di Ikea o, meglio ancora, tramite l'account Instagram dedicato} ed io ho avuto l'enorme piacere di conoscerla quando qualche anni fa la Minicasa è stata selezionata per un servizio proprio sul magazine.


Una persona travolgente, brillante, divertente, bellissima, insomma in una parola "cool". Esattamente come la sua casa di Londra, recentemente fotografata per un servizio di Ikea Family.

L'appartamento, ricavato in una ex scuola, è stato completamente ridisegnato per ricavarne un ampio open space su due livelli. La palette cromatica è elegantissima. Nero, grigio, bianco e le tinte naturali dal legno al color mattone. A completare il verde delle piante in un mix di arredo con pezzi di Ikea, pezzi eclettici e contemporanei e tesori vintage.













Che ve ne pare? Io lo trovo uno spazio stupendo: ampio, luminoso, rilassante e pieno di atmosfera. Quando vedo queste meraviglie mi viene voglia di sfondare le pareti del mio piccolo appartamento! Sapete cosa mi manca più di tutto? Lo spazio per la convivialità e la luminosità, che le distribuzioni così aperte ti sanno regalare. 
E poi uno spunto importante: per creare una casa accogliente bisogna avere il coraggio di creare coerenza: arredi con arredi, arredi con oggetti e tessili. Qui il mix è in perfetta armonia. Quando si interviene in una casa parzialmente costruita e arredata con canoni che hai superato, ci vuole una certa dose di coraggio a eliminare tutto quello che stona. Io ci sto arrivando per gradi, ma a volte mi viene un impulso "integralista" e vorrei cambiare tutto. Fortunatamente sono raptus passeggeri.

Ma ditemi, vi è piaciuto questo appartamento? 

Immagini: Ikea Family Magazine (home tour + organizzazione cucina)

  

28 novembre 2017

Un Natale per due

Il Natale si sta avvicinando e questo vuol dire che iniziano ufficialmente la caccia ai regali, gli inviti ed i programmi dei festeggiamenti, gli addobbi e lo sfavillio delle decorazioni luminose, le giornate in famiglia e con gli amici, l'allegria degli abbracci, le tonnellate di cibo e prelibatezze sulle nostre tavole. Un periodo coinvolgente ed emozionante, dove la socialità può raggiungere il suo apice.


Come sapete per me "casa" è sempre di più sinonimo di rilassatezza ed intimità, un nido in cui vivere piccole abitudini quotidiane di comfort e piacevole estetica.

E così mi sono chiesta: e se fosse una Natale per due, come sarebbe?
Ho provato ad immaginarlo in questo styling nella Minicasa: una tavola apparecchiata in modo semplice ma raffinato, trasparenze e una palette di colori neutra e luminosa, con accenti in rosso e qualche tocco lussuoso.


Adoro allestire la tavola per le occasioni speciali e renderla accogliente. Unisce molte delle mie passioni: l'amore per il design e la decorazione, l'entusiasmo per la cucina ed il piacere della convivialità comodamente seduti intorno ad un tavolo.




L'associazione del rosso melograno e del verde delle foglie e della candela è stato istintivo. Non c'è Natale senza un po' di questi colori, che ricordano le tradizioni e la natura che entra in casa per portare un po' di festa.


Per questo pranzo natalizio a due ho pensato di preparare un antipasto inusuale, quella che vedete non è una torta ma una forma di Camembert con i grani della melagrana e pistacchi. Basta scaldarlo per pochi minuti ed è una vera gioia per il palato. Ovviamente lo abbiamo "spazzolato" via in pochi minuti subito dopo le foto!




Per praticità ma anche per creatività, opto spesso per una tavola informale, anche se curata. Per le occasioni speciali, invece, apparecchiare secondo tradizione è un rituale che mi fa entrare nel clima di festa, è un gesto che mette bellezza nei dettagli che mi circondano, è il tocco di classe che rende tutto più invitante.


In questo caso la differenza l'ha fatta l'eleganza pulita e minimale del servizio di posate in acciaio di Sambonet. Non sono semplicemente deliziose?


Se vi piacciono ho una bellissima notizia per voi! Da oggi, 28 novembre, fino al 14 dicembre se acquistate da Euronics uno o più prodotti per un valore superiore a 499€ (in un unico scontrino), avrete in regalo il set di 42 posate Sambonet del valore di 299€.
Inoltre durante il periodo della promozione, i possessori di carta Euronics che aderiranno all’iniziativa riceveranno via mail un codice di attivazione per un abbonamento digitale a CasaFacile della durata di 3 mesi, attivabile entro il 31/1/2018.

Un'ottima occasione per scegliere la vostra wishlist per Natale ed avere un doppio regalo, anzi triplo!

Per concludere in bellezza il nostro immaginario Natale a due, ho compilato la nostra personale wish list, chissà che Babbo Natale non sia in ascolto ;)


Dall'alto:
Bollitore Artisan ed trita tutto rosso entrambi di Kitchen AidSilk-Épil 9-961V in bianco e oro di P&G
Nescafè Dolcegusto Mini Me (in regalo la caraffa filtrante per l'acqua Brita e 32 capsule)
Rasoio elettrico Braun Series 7855S
Spazzolino Elettrico Oral-B Pro 6000 Smart Cross Action di P&G
 

Post in collaborazione con CasaFacile ed Euronics




Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...